La giunta militare al potere in Birmana ha cancellato i risultati delle elezioni dello scorso anno vinte dal partito di Aung San Suu Kyi, bollandole come “non libere ed eque”. Sei mesi fa, con le stesse motivazioni, i militari hanno deposto il premio Nobel e il governo della Lega nazionale per la democrazia.

    “Hanno tentato di sottrarre il potere a partiti e candidati abusando delle restrizioni imposte dal Covid-19”, ha affermato il presidente della commissione Thein Soe, annunciando l’annullamento dei risultati.

    La giunta ha affermato che avrebbe tenuto nuove elezioni entro due anni, ma ha anche minacciato di sciogliere la Lega di Suu Kyi, in carcere dal golpe del 1 febbraio e sui cui pendono diverse accuse. con il rischio di una condanna a oltre un decennio di detenzione.

    Una nuova ondata di Covid ha messo in ginocchio ospedali, privi di personale medico pro-democrazia. L’economia del Myanmar dovrebbe ridursi del 18% nel 2021, stima la Banca mondiale.

    Sono oltre 900 i morti fino a oggi nella repressione delle proteste. 

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Birmania: giunta militare cancella risultati elezioni 2020
Source:
Source 1

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here