La Russia si difende all’Onu affermando che non sta aiutando i migranti ad affollarsi al confine della Bielorussia con la Polonia. Lo ha detto il vice ambasciatore russo all’Onu, Dmitry Polyanskiy: “No, assolutamente no”, ha detto sui possibili aiuti ai migranti a margine della riunione d’emergenza a porte chiuse del Consiglio di Sicurezza convocata su richiesta di Estonia, Francia e Irlanda. E sui movimenti dei caccia nei cieli bielorussi, Polyanskiy ha spiegato che si trattava di una “risposta al massiccio dispiegamento” di guardie armate polacche sul confine. 

I paesi occidentali al Consiglio di Sicurezza Onu hanno condannato la Bielorussia per la crisi dei confini con la Polonia. In una dichiarazione congiunta Estonia, Francia, Irlanda, Norvegia, Usa e Regno Unito hanno condannato la “strumentalizzazione di esseri umani orchestrata” dalla Bielorussia al confine con la Polonia al fine di “destabilizzare il confine esterno dell’Unione Europea”. L’obiettivo, hanno sottolineato, è anche quello di “destabilizzare i Paesi vicini” e “distrarre l’attenzione dalle proprie crescenti violazioni dei diritti umani”.

Il vice ambasciatore russo all’Onu Dmitry Polyanskiy ha respinto i sospetti (americani) che Mosca stia ammassando truppe al confine con l’Ucraina per invaderla: “questo non è mai stato pianificato”, ha detto, rivendicando però “il diritto di concentrare truppe dove vogliamo, non è in territorio ucraino ma russo”. Il diplomatico ha inoltre invitato a “non dimenticare che le navi da guerra americane nel Mar Nero agiscono in modo provocatorio”, ammonendo che “è sempre più difficile ogni giorno evitare uno scontro diretto nel Mar Nero”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

La Russia all’Onu, non stiamo spingendo i migranti al confine della Bielorussia con la Polonia
Source:
Source 1

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here