La variante Omicron è ‘altamente trasmissibile’ e richiede ‘un’azione urgente’. Lo affermano i ministri della Salute del G7. Ad oggi sono 33 i casi confermati segnalati in Europa, fa sapere l’Ecdc. Le segnalazioni arrivano da otto Paesi, tra cui l’Italia. Tutti i casi confermati hanno una storia di viaggi in paesi africani, i contagiati sono asintomatici o con sintomi lievi. Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, è al lavoro per organizzare un vertice dei leader dei 27. Iss, nessuna evidenza che Omicron provochi una malattia più grave. Il Regno Unito offrirà a tutti gli adulti la terza dose di vaccino, inclusa quindi la fascia di età che va dai 18 ai 39 anni.

La variante Omicron è ‘altamente trasmissibile’ e richiede ‘un’azione urgente’. Alla riunione del G7 Salute sulla nuova variante Covid, Omicron, i ministri “hanno elogiato il lavoro esemplare del Sudafrica sia nell’individuare la variante sia nell’avvertire gli altri”. Si legge nella dichiarazione congiunta finale del G7. Inoltre i ministri hanno mostrato “forte sostegno alla creazione di una rete internazionale di sorveglianza dei patogeni nell’ambito dell’Organizzazione mondiale della sanità”.

“L’identificazione della variante Omicron nell’area meridionale dell’Africa conferma l’urgenza di fare di più per vaccinare la popolazione dei Paesi più fragili, ci sarà bisogno del ruolo di coordinamento di Onu e Oms”. Lo ha detto il Ministro della Salute, Speranza, intervenendo al G7 dei ministri della Salute. “Non basta donare dosi – ha proseguito il Ministro – dobbiamo supportare concretamente chi non ha servizi sanitari strutturati e capillari come i nostri. Occorre essere certi che i vaccini donati vengano effettivamente somministrati e nei Paesi più fragili per farlo ci sarà bisogno del ruolo di coordinamento di Onu e Oms”.

“Importante incontro di coordinamento dei ministri della Salute del G7 alla luce della variante Omicron. Dobbiamo continuare ad agire velocemente per accrescere gli sforzi delle vaccinazioni, e aumentare la nostra protezione”. Lo scrive su Twitter la commissaria Ue alla Salute, Stella Kyriakides, prendendo parte all’incontro del G7. La commissaria insiste: bisogna “indossare le mascherine e mantenere il distanziamento sociale quando occorre”.

Ad oggi sono 33 in totale i casi confermati di variante Omicron segnalati in Europa. Lo rende noto il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Le segnalazioni arrivano da otto Paesi dell’Unione Europea e dello Spazio economico europeo: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo. Tutti i casi confermati hanno una storia di viaggi in paesi africani, alcuni dei quali hanno preso voli in coincidenza in altre destinazioni tra l’Africa e l’Europa. Tutti i casi per i quali sono disponibili informazioni sulla gravità erano asintomatici o con sintomi lievi.

“Omicron è motivo di preoccupazione. Dobbiamo vaccinare”, somministrare “terze dosi, condurre test e fare tutto il possibile per fermare la diffusione. Le analisi di laboratorio e la tracciabilità dei contatti sono molto importanti. L’Ue sta combattendo unita la pandemia”. Lo afferma la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, dopo il suo colloquio col cancelliere austriaco Alexander Schallenberg sulla situazione Covid in Austria e nell’Ue.

“E’ una corsa contro il tempo” per capirne di più e adottare le contromisure giuste, sottolinea la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen mentre Londra, presidente di turno del G7, ha convocato per oggi una “riunione d’emergenza” dei ministri della Sanità del Gruppo. “Lo spirito dell’azione collettiva è l’unica vera risposta robusta per combattere questa pandemia e per combattere future pandemie. Solo risposte collettive, efficaci e immediate possono funzionare contro i virus”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen parlando all’organizzazione mondiale della sanità. “Non si può rimanere con le mani – ha aggiunto -, di fronte a noi abbiamo dei compiti urgenti e proprio mentre stiamo parlando la comunità internazionale si trova ad affrontare una nuova variante del Covid-19, Omicron”.

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha avvertito che la variante Omicron del coronavirus potrebbe avere “gravi conseguenze”, riporta Sky News. “La probabilità di una potenziale ulteriore diffusione di Omicron a livello globale è elevata“, afferma l’Organizzazione mondiale della sanità in un documento tecnico sulla nuova variante. “Ad oggi non sono stati segnalati decessi legati alla variante Omicron” del coronavirus.

“L’abbiamo definita preoccupante perché tutte le equipe del mondo intero recuperino il massimo di informazioni su questa variante”, ha detto ai microfoni di France Info Sylvie Briand, direttrice del dipartimento della gestione dei rischi epidemici all’OMS, spiegando il senso del comunicato dell’Organizzazione mondiale della Sanità che ha classificato come “preoccupante” la variante Omicron. “E’ importante avere più informazioni su questa variante” ha aggiunto la Briand.

La nuova variante Omicron è motivo di preoccupazione ma non di panico: lo ha detto Joe Biden parlando alla Casa Bianca. “Sconfiggeremo questa nuova variante”, ha promesso, ricordando che l’amministrazione è già al lavoro con alcune case farmaceutiche. Il presidente ha detto che ci vorranno alcune settimane prima di sapere quanto fortemente i vaccini proteggono dalla nuova variante.

Biden ha invitato dalla Casa Bianca gli americani a vaccinarsi o a fare il booster anche per far fronte alla nuova variante Omicron che, ha detto, “prima o poi arriverà anche negli Usa”. Il presidente ha espresso il suo plauso per la “trasparenza” con cui il Sudafrica ha reso noto subito la variante, consentendo nuove restrizioni ai viaggi che “ci danno tempo per ulteriori azioni”.

Gli Usa sono “in stato d’allerta avanzato” di fronte alla nuova variante Omicron: lo ha detto il consigliere della Casa Bianca per la pandemia Anthony Fauci parlando alla Abc, dove ha ammonito sul rischio di una quinta ondata negli Stati Uniti. Il noto virologo ha rilanciato l’opportunita’ di vaccinarsi e di fare il booster senza attendere lo sviluppo di un vaccino specifico contro la variante Omicron, “di cui – ha detto – forse potremmo anche non aver bisogno”.

Angela Merkel, il futuro cancelliere Olaf Scholz e i ministri presidenti dei Laender tedeschi si collegheranno domani per una conferenza Stato-Regioni sull’emergenza Covid. Lo ha scritto di Welt. All’ordine del giorno la decisione di stabilire un freno di emergenza, per affrontare il picco dell’ondata in Germania.

Lo spettro di un’ennesima accelerazione della pandemia sta facendo tornare restrizioni e confini blindati che si sperava fossero stati archiviati dopo l’annus horribilis del 2020 anche se la variante, stando alla presidente dei medici sudafricani, pur molto contagiosa sembra presentare sintomi lievi, specie sui vaccinati

La variante Omicron rischia di provocare un’impennata dei casi di coronavirus in Sudafrica che potrebbe far triplicare le infezioni giornaliere. “Mi aspetto che supereremo oltre 10.000 casi al giorno entro la fine della settimana”, ha detto Salim Abdool Karim, un noto epidemiologo sudafricano in una conferenza stampa online del ministero della Salute.

L’allarme sulla variante Omicron del Covid-19 nel mondo è “eccessivo” e la reazione “spropositata”, ha detto la dottoressa Angelique Coetzee, la presidente dell’ordine dei medici del Sudafrica, scopritrice della variante. In dichiarazioni riportate dall’emittente britannica TalkRadio, Coetzee ha ribadito che i sintomi finora visti sono “lievi”: “I pazienti che ho visto avevano sintomi lievi e sono guariti. Nessuno è stato ricoverato e non c’è stato bisogno dell’ossigeno. Questa reazione nel mondo non ha alcun senso”, ha aggiunto.

Si moltiplicano, comunque, i paesi che scelgono di blindarsi. L’ultimo, in ordine cronologico, è il Giappone che chiuderà i suoi confini a tutti i visitatori stranieri. Lo ha annunciato oggi il governo nipponico, appena tre settimane dopo aver allentato alcune restrizioni per consentire l’ingresso nel Paese a viaggiatori d’affari, studenti e stagisti stranieri.

Intanto l’Australia ha deciso di non riaprire, come previsto dal primo dicembre, i confini internazionali a lavoratori qualificati e studenti, a causa dei timori per la variante Omicron. Si tratta di “una decisione necessaria e temporanea”, ha annunciato il primo ministro Scott Morrison. 

Omicron: dichiarazione del G7, lavoro esemplare del Sudafrica
Source:
Source 1

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here