L’Oms non molla sulle richieste di informazioni sulle origini del coronavirus alla Cina, ma Pechino resta ferma sulle sue convinzioni e rispedisce, ancora una volta, l’appello al mittente. In un nuovo scontro tra il Dragone e l’agenzia sanitaria dell’Onu sull’indagine per l’ipotesi di una fuga da un laboratorio cinese del SARS-CoV-2, il coronavirus responsabile della pandemia mondiale. In una nota, l’Oms ha esortato tutti i paesi, “compresa la Cina”, a condividere le informazioni sui primi contagi, sottolineando che “per affrontare ‘l’ipotesi del laboratorio’, è importante avere accesso a tutti i dati”. L’appello dell’agenzia a tutti i governi è quello di “depoliticizzare la situazione e di cooperare per accelerare gli studi sulle origini del virus e, soprattutto, di lavorare insieme per sviluppare un quadro comune per i futuri patogeni emergenti”, in pratica le varianti. La Cina ha respinto le richieste, affermando di aver sostenuto gli sforzi “scientifici” rispetto a quelli “politici” per scoprire come è iniziato il virus. “Ci opponiamo al tracciamento politico” e “abbandoniamo il rapporto congiunto” pubblicato dopo che un team Oms ha visitato Wuhan a gennaio, ha annunciato il viceministro degli Esteri cinese Ma Zhaoxu. “Sosteniamo il tracciamento scientifico”, ha ribadito. Dopo la pubblicazione del rapporto Oms-Cina sulle origini del virus nel marzo 2021, l’Oms ha “delineato la prossima serie di studi che devono essere intrapresi”, sottolineando che la ricerca delle origini del coronavirus “non è e non dovrebbe essere un esercizio di attribuzione di colpe, dito puntato o punteggio politico”. La prossima serie di studi prevede innanzitutto un riesame dei dati grezzi dei primi casi accertati e dei sospetti casi precoci del 2019, dati che l’Oms prega di fornire, elogiando l’Italia per la collaborazione già offerta. L’agenzia ha sottolineato come la Cina e un certo numero di altri Stati membri hanno suggerito che “lo studio sulle origini è stato politicizzato o che l’Oms ha agito in base a pressioni politiche”. Tuttavia, nel rapporto successivo alla visita nel Paese asiatico “l’Oms ha stabilito che non vi erano prove scientifiche sufficienti per escludere nessuna ipotesi”. Da qui la richiesta di poter accedere a tutti i dati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Oms, indagine sulla fuga del virus dal laboratorio, condividere i dati
Source:
Source 1

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here