L’Aula del Senato respinge la proposta di sospensiva al ddl Zan contro l’omotransfobia per un solo voto: 136 sì e 135 no.

Sono tre le proposte di questione sospensiva presentate in Aula al Senato al ddl Zan, Il senatore di Forza Italia Giacomo Caliendo illustrando la prima, ha ribadito la necessità di “non abdicare alla funzione parlamentare che consiste nel legiferare componendo interessi opposti”.

La sospensiva illustrata da Lucio Malan (FI), richiama il concetto di “libertà religiosa”, e propone di sospendere l’esame del ddl per consentire le previe intese, previste dai Patti lateranensi, richiamati dall’articolo 7 della Costituzione.

Infine il presidente dei senatori della Lega Massimiliano Romeo ha avanzato la proposta di rinviare al 27 luglio l’esame del ddl per trovare un accordo politico in Commissione. 

Il ddl Zan è arrivato finalmente in Aula al Senato e dopo una seduta piuttosto movimentata il primo round se lo sono aggiudicano i sostenitori del testo che non torna in commissione e va avanti nel suo iter in Assemblea. Respinte infatti le pregiudiziali di costituzionalità, presentate da FdI e Lega, con 124 sì, 136 no e 4 astenuti.

Il provvedimento, dunque prosegue, ma lo stallo politico permane e gli schieramenti sono sempre gli stessi: Fi, FdI, Lega contro il provvedimento, Pd, M5s, LeU a favore del testo approvato dalla Camera, con Italia viva e Autonomie a fare da ago della bilancia. Nessun accordo sembra possibile e si va allo scontro diretto. Quella di ieri è stata solo una battaglia vinta perché la guerra vera è solo rimandata.

 

“O si va a scrutinio segreto ed è un rischio per tutti o ci si assume la responsabilità politica di trovare un accordo che sarebbe ad un passo”, avverte Matteo Renzi che invoca un “patto politico” affinché alla Camera questa legge, ove venisse modificata al Senato, sia approvata in due settimane”. “Se si va allo scontro avrete distrutto la vita di quei ragazzi”, conclude riferendosi alle vittime di violenze omofobe.

Un invito ai pasdaran del provvedimento a cedere qualcosa per portare a casa un risultato sicuro arriva anche dal leader della Lega Matteo Salvini “chiedo di superare steccati ideologici e in un mese approviamo una norma di civiltà”. In sostanza quello che viene chiesto è la modifica degli articoli 1, 4 e 7. Esattamente quelli che Pd e M5s non vogliono toccare e che riguardano la definizione di genere, la libertà di espressione e l’educazione gender nelle scuole con l’istituzione della giornata contro l’omotransfobia.  

“Bocciate le pregiudiziali di costituzionalità, entriamo nel merito del Ddl Zan. Ostruzionismo sconfitto, da adesso in poi ognuno si assume le proprie responsabilità” afferma soddisfatta la vicepresidente del Senato e responsabile Giustizia e diritti del Pd, Anna Rossomando.

Dalle 9.30 l’Aula prosegue con il voto delle sospensive al termine inizierà la discussione generale, mentre il 20 luglio è la deadline per presentare gli emendamenti. Sedute di 4 ore e trenta, specifica il presidente Casellati, con sanificazioni di 70 minuti. I tempi si allungano e il rischio di slittare a settembre è reale, anche se il pentastellato Ettore Licheri scandisce “Stiamo provando a scongiurarlo”. 

   

Respinta per un solo voto la richiesta di sospensiva per il ddl Zan
Source:
Source 1

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here